Mamma mi metti i cartoni?

Una nuova storia, forse più bella delle altre. Il tema è il consueto: l’amore. L’amore, il sesso, la vita di coppia all’interno della famiglia. Roba da romanzi Harmony, insomma, con un omaggio al mio Divin Marchese preferito. Buona lettura.

Correre, correre, è tutto un correre, anche oggi che poteva essere un giorno tranquillo, niente da fare, sempre sballottata da una parte all’altra. E vai al lavoro, e a prendere i bimbi a scuola, e spesa alla Coop, e sempre in macchina in mezzo al traffico, che stress. Certo, l’ho deciso io, niente mi avrebbe impedito di tornare a casa, scaldare una cosa al microonde e stare sul divano fino alle quattro e mezzo, quando Claudio finisce all’asilo e Paolo esce da scuola. Ma non ce la faccio, io non sono fatta così, mi lamento tanto ma alla fine non vedo l’ora di avere impegni. Mi sono accordata con Mirella, ci siamo scambiate il turno: ho preso il pomeriggio libero e la sostituisco domenica mattina, che siamo di servizio, tanto Adriano parte per la Germania e i bambini li lascio da mia mamma, pranziamo da lei e poi li porto al cinema a vedere Paddington 2. Ho deciso dopo che Adriano mi ha mandato un messaggio su Whatsapp, dicendomi che non si sarebbe liberato prima delle otto e mezzo, così anche Mirella è contenta, può stare in famiglia.

“Claudio non sbattere quella roba sul finestrino!”.

“Non sto sbattendo niente, è Paolo”.

“Non è vero, è Claudio”.

“Chiunque sia, smettetela. E vaffanculo, stronzo!”.

“Mamma ha detto una parola che non si può dire”.

“L’hai detta a me?”.

“No, Paolo, non l’ho detta a te, l’ho detta a quel cretino che ha girato senza mettere la freccia”.

“Anche cretino è una parola che non si può dire?”. Continua a leggere

Annunci

La passeggiata 2.0

C’è chi nasce dritto e chi nasce storto, chi viene su alto e chi resta giù basso, chi tifa la Juve e chi si appassiona di scherma, chi mangia vegano e chi si ingozza di carne, chi campa di niente e chi spende per tre, chi prega ogni sera e chi bestemmia dall’alba, chi vuole andare in Islanda e chi sta bene a casa, chi monta cuscinetti e chi interpreta Cechov, ecco, c’è tutta questa bella gente che calpesta il confuso palcoscenico che chiamiamo vita, ecco, dicevo, e in mezzo a questa bella gente ci sono io che, purtroppo o per fortuna, sono nato poeta. Ogni tanto il verso mi attanaglia, la quartina mi assale, l’endecasillabo si impossa di me e allora, solo allora, inesorabilmente allora, mi vedo costretto a comporre. Mi affaccio alla finestra, guardo l’infinito, salgo sulle spalle dei giganti, ipotizzo anacoluti, tingo d’effimero i paesaggi dell’animo, siedo alla scrivania in noce, metto gli occhiali sulla punta del naso, faccio svolazzare la sciarpa sulla spalla, poggio il mento sulla mano e compongo. I frutti del mio comporre, carissimi, ve li voglio regalare, affinché possiate nutrirvi anche voi del mio ramingo poetare. Buona lettura!

benvenuti!

controllo elettronico e dinamico della velocità su tutto il territorio comunale

sei sicuro di vederci bene?

international stabilimento n° 1

arredamento ufficio: office – home – living – contract

mostra permanente all you can eat

manutenzione serrande città videosorvegliata

obbligo di pneumatici invernali o catene a bordo

sostituisci in giornata la tua vecchia vasca con una nuova e comoda doccia

aperto la domenica mattina carico e scarico merci

dodici euro bevande escluse cartello in allestimento

spurghi 2000 trasporto e stoccaggio 1 ipermercato 50 negozi

per ogni cucina ti regala il piano cottura e la lavastoviglie

vendita diretta sgombero capannoni

servizi espressi italia giornaliero veneto – emilia

controsoffittature e isolamenti termoacustici

claudio 3-7-1973 2-5-2004 i tuoi cari questo spazio può essere tuo

ingresso uffici aperti anche a pranzo

non solo vasi ma tanto di più vendita delle migliori marche

vieni nel posto giusto supermercato per animali

ceramic design show room

prato pronto in zolle tutte le soluzioni per dormire

non fermarsi sui binari aperti 24/7

vendita e posa in opera di tutti i tipi di parquet

comune denuclearizzato buffet senza limiti

web marketing comunicazione

pollo allo spiedo pane fresco pulizia dentale 39 euro

noleggio piattaforme aeree eccetto residenti

controllo velocità postazioni fisse regalati il giusto confort

grazie della cortese visita e arrivederci!

Le memorie di Tonino

La cosa più bella dei racconti è pensarli. Io sono proprio felice, quando li penso. Poi mi metto a scriverli e la felicità scappa via, lentamente, fino a quando metto il punto all’ultima riga e non resta più niente. Buona lettura.

Non ne posso più. Sono stanco, triste, mi sento sconfitto. Avessi vent’anni non resterei di certo inerme, sul divano, con le avvolgibili sollevate appena per non restare al buio. Mi alzerei per lottare, come ho sempre fatto finché le energie mi hanno sostenuto. Ormai sono vecchio, però, e nessun obiettivo è meritevole dello sforzo necessario per essere raggiunto. Vorrei morire. Da ragazzo non ero così, per niente, mi divertivo a provocare e non lasciavo passare indenni le offese. Attiravo le maldicenze, me le cercavo, per poi ribaltare il discorso in faccia a chi mi insultava. Adesso sono solo, e la solitudine è la disgrazia che mi pesa di più. Se volete lanciare una maledizione a qualcuno, augurategli di restare solo e finire i giorni in una casa enorme e vuota, senza altre voci che non siano quelle della televisione. E se proprio lo odiate, augurategli prima di vivere una vita piena, cosicché la solitudine sia più struggente al confronto con gli anni passati. In pratica, augurategli di stare come sto io adesso. Continua a leggere

Anna Pop Frank

index

Andy Warhol se era vivo secondo me stava come minimo sorridendo e dicendo ve l’avevo detto, io.

Tempo da elfi

8092525_2608408

E un giorno ti svegli stupito e di colpo ti accorgi che non sono più quei fantastici (absit iniuria verbis, ma è colpa della citazione, non mia) gialli con cui passavi i pomeriggi da solo… Ma sono solo gialli noiosi, pesanti, banali, triti, scontati, frusti, vetusti, scritti apposta per Concita e nemmeno per tirare su due soldi, spero, che Guccini e Macchiavelli ormai sono anziani e di soldi, vada come vada, ne hanno fatti abbastanza. Insomma, credo che scrivano proprio così, loro, e queste siano le storie che riescono a raccontarci.
Solo che io non riesco più a leggerle. Sono libri per Concita, dicevo, e ora lo so che mi tocca spiegare. La definizione dei libri Concita è mia, ma l’etichetta no, purtroppo, ché ci rimango male quando qualcuno ha un’intuizione meglio delle mie. Concita – ovviamente- è Concita De Gregorio, quella che somiglia a Scarlett Johansson, non ride mai, ha diretto l’Unità, non ride mai, scrive per Repubblica, non ride mai, ogni tanto appare sui Rai 3, non ride mai e al massimo fa un mezzo sogghigno e infila la stanghetta degli occhiali tra le labbra. Concita, dicevo. Concita è quella che ci rassicura, ci rafforza, ci spiega che abbiamo ragione. Concita prende posizione e la posizione è quella giusta. Concita è educata, adeguata, corretta, niente da aggiungere, Concita ha sempre una buona parola per chi se la merita e una faccia schifata per chi, invece, si merita solo disprezzo. Concita sono i pensieri che ci danno forza, i pensieri educati, Concita è la raccolta differenziata e la macchina parcheggiata dentro le strisce con il disco orario messo puntuale, Concita è la mia professoressa delle superiori, Concita sono le certezze che abbiamo e che soprattutto abbiamo bisogno che vengano rinvigorite, di tanto in tanto.
Ecco, i libri Concita sono la stessa cosa. Sono quei libri per quando non abbiamo voglia di leggere, siamo stanchi e ci rifugiamo nel nostro cantuccio consueto. I libri Concita sono come il piatto che cuciniamo sempre, quello che ormai abbiamo imparato e perfezionato e che sfoderiamo quando desideriamo rinfrancarci senza imbarcarci nella costruzione di una Sacher.
Dette tutte queste sciocchezze, io Guccini e Macchiavelli, che tra l’altro mi piaceva di più quando aveva una c di meno e si occupava di principi, li lascio qua, a meno di metà.
E a voi lascio un consiglio: se volete leggere dei gialli Concita, ma con un po’ più di brio e freschezza, leggete i miei, che sono più belli.

Maya

Sulla scia di Fredric Brown e Dennis Lehane un nuovo, straordinario racconto. Vorrei prendermi tutto il merito, ma l’onestà intellettuale che sempre mi contraddistingue non può che spingermi a ringraziare l’amico Riccardo, senza il quale questa storia non sarebbe nata. Buona lettura.

“Che poi sono io che mi faccio certi viaggi…”.

“Guarda che come te ce ne sono poche, Ale”.

“Ah, lo so bene, ma non credo che sia un vantaggio essere come me”.

“Non è vero, dici così solo perché sei delusa, ma lo sai anche tu che dopo un momento difficile ne arriva uno buono. L’importante è tenere la barra dritta: una professionista come te se la cava in ogni occasione”.

“Un momento difficile? E lo chiami momento, tu? Lo sai quando mi è arrivata l’ultima proposta?”.

“Saranno tre mesi fa… non è tanto”.

“No, i mesi sono cinque. Cinque. Mi spieghi come devo fare?”.

“Ho parlato con Gianni ieri”.

“Non lo voglio nemmeno sentire nominare, quello stronzo”.

“Dai, non dire così, avete sempre lavorato bene insieme”.

“Lavorato bene? Mi ha sfruttato, non fare finta che non sia così. Alla fine con lui ho fatto solo due film”.

“Non è vero, ne sono usciti quattro con la sua casa di produzione”.

“Ah, grazie, per come lavora ne poteva far uscire anche otto. Lo sai meglio di me che rimonta le scene e recupera materiale. Com’è che dice sempre? Dal girato non si butta via niente”.

“I soldi comunque ti sono arrivati”.

“Ci mancherebbe altro. Alla fine ho lavorato io, mica lui. E poi mi ha pagato talmente poco che non gli è costato molto darmeli”.

Continua a leggere

La piscina

Nuovissimo racconto, ispirato a una storia vera, come direbbero i migliori promo su Canale 5. Buona lettura.

Felicetto, la moglie ha preso in gestione il chiosco che c’è alle piscine, dietro la chiesa di Santa Boboredda. Anna Rita si chiama. Io non è che lo conosco bene, Felicetto dico, ciao e ciao e la partita il giovedì, ma comunque ci ha invitato tutti e mi sembrava brutto non andare. Quando giochiamo, a me mi piace essere in squadra con lui, ma non perché è forte, no, più che altro perché non ce lo voglio avere contro, non si controlla bene, è falloso, tocca a mettersi i parastinchi quando è nell’altra squadra. È alto, grasso e con la faccia tutta rossa. Sembra che ha qualche malattia, di sicuro beve molto. Quando finiamo di giocare, invece del Gatorade o del Powerade, che a me mi piace quello blu, lui si beve subito un’Ichnusa da trentatré, senza nemmeno farsi la doccia. Poi si lava, accende una sigaretta e con calma beve una birra grande. Io a quel punto me ne torno a casa, non è che mi piace tanto stare a chiacchierare. Lui lo vedo che resta con Franco, Prosciuttino, Sambuca, a volte anche Tonio Ledidì, gli altri ce ne andiamo, ché il giorno dopo dobbiamo andare a lavorare e io, anche se mia moglie dice trattieniti pure per una birra, non c’è problema, preferisco andarmene, la conosco, mi fa le battutine quando rientro e non ho voglia di battibeccare.

Comunque, non pensate che mi scandalizzo per una birra o due bevute dopo la partita, l’ho fatto anche io, voglio dire, solo che non abbiamo più vent’anni, nemmeno trenta, e certe cose credo che bisogna farle nel tempo giusto, altrimenti dopo comincia a essere ridicolo. Contate che io sono il più giovane là in mezzo, ho trentacinque anni appena compiuti. Felicetto credo che ne abbia quarantasei o quarantasette, forse, era a scuola con mio cugino Giuseppe. Continua a leggere