Giuseppe voleva andare al mare

Scrittori un pelino più quotati di me – senza dubbio più noiosi – sostengono che in Sardegna non ci sia il mare. Forse hanno ragione. Di sicuro ignorano la forza della fantasia, la potenza dell’immaginazione, l’energia della creatività, qualità indispensabili per trovare il mare anche laddove il mare non c’è.

Dopo Dieci euro e Mariolino, un nuovo fantastico racconto che abbandona i sentieri consueti delle storie d’amore per abbracciare i temi sempreverdi dell’infanzia e della prima adolescenza: Giuseppe voleva andare al mare.

Buona lettura.

 

Giuseppe voleva andare al mare. Aveva quattordici anni e non ci era mai andato, anche se il mare non era lontano: quando andava al belvedere, o saliva fino a Bruncu Tiria, riusciva a vederlo. A volte ci saliva apposta, di mattina presto, per guardare la Tirrenia che entrava nel porto di Cagliari, e se incontrava qualcuno raccontava che stava andando ad acchiappare uccellini. Continua a leggere